Per questo si investono molte energie in importanti progettualità extra curriculari, che sono state attivate negli anni grazie alla passione e all’impegno di numerosi insegnanti e che sono rivolte trasversalmente a tutti gli studenti dei vari indirizzi, con particolare attenzione per coloro i quali hanno bisogni educativi speciali. A tal fine esistono procedure formalizzate e verificate per l’accoglienza/inserimento al primo anno degli allievi con disabilità, per la redazione dei Piani Educativi Personalizzati che sono redatti con i docenti curricolari e i cui obiettivi vengono verificati tre volte all’anno in incontri specifici. Esiste una funzione strumentale che si occupa del sostegno e dei Bes e Dsa, che fornisce indicazioni e materiale ai consigli di classe per la redazione dei Pdp e monitora il loro aggiornamento tenendo contatti con le famiglie. L’accoglienza e l’organizzazione di corsi di italiano di base per allievi stranieri invece è curata da una specifica funzione strumentale che forma, insieme a quella dei Bes e sostegno, il gruppo di inclusione dell’Istituto.

Tra i molti progetti extra-curricolari offerti dalla scuola è importante ricordare che l’Istituto partecipa ormai da diversi anni al progetto nazionale “No Trap!”, un programma di prevenzione del bullismo e del cyberbullismo rivolto ai ragazzi delle scuole medie e superiori. Il progetto ha come obbiettivo primario la sensibilizzazione e la prevenzione circa i temi in oggetto, ed è portato avanti con interventi mirati nelle classi, incontri di formazione realizzati con la partecipazione di esperti esterni di cui la scuola si avvale (medici, psicologi, educatori, forze dell’ordine, terzo settore) per offrire le migliori competenze agli studenti. Questo protocollo è attivo per tutto l’anno per dare sostegno ai ragazzi che si trovano in difficoltà. 

Accanto a questa importante iniziativa, i docenti che si sono occupati della funzione strumentale “Promozione della salute e del benessere” hanno attivato, in collaborazione con l’USL Toscana Centro, un pacchetto di progetti che si muovono su 4 aree principali: educazione affettiva e sessuale, dipendenze, comunicazione non violenta, bullismo. Nell’ambito di questa collaborazione dall’anno scorso è stato attivato anche il percorso di formazione di peer education, per promuovere le buone prassi realizzando progetti educativi che utilizzano l’educazione tra pari.

La collaborazione con l’USL ha inoltre offerto ai docenti la possibilità di formarsi sul tema della gestione del gruppo classe, declinandola nella forma della promozione all’interno di essa del benessere comune e della capacità di riconoscimento delle potenziali situazioni di disagio da parte degli operatori. 

Al Sismondi Pacinotti i ragazzi hanno inoltre la possibilità di frequentare un laboratorio di teatro sociale, che ogni anno affronta macro-tematiche che riguardano da vicino le vite degli adolescenti, come amore, bullismo, identità e dipendenze. Le attività del laboratorio si svolgono un giorno alla settimana per tutto l’anno e vi prendono parte circa 40 studenti. Il laboratorio propone agli studenti un percorso capace di includere tutte le forme di diversità e che lavora sfruttando tutte le forme espressive (corpo, voce, pensiero, emozioni), offrendo ai ragazzi la possibilità di partecipare a un momento di aggregazione libero e informale.